"L'alienuncolo e il bambino" - coriandolino e i suoi amici

Vai ai contenuti

Menu principale:

"L'alienuncolo e il bambino"

Il Niguardino > Racconti
 


C'era una volta, ma ci sono ancora oggi, alcuni bambini e alienuncoli che senza nemmeno conoscersi, vivono sulla Luna e passano il loro tempo a scivolare lungo il dorso della luna cadendo gli uni su una punta e gli altri sull'altra punta. Un giorno però accadde qualcosa di davvero insolito: a causa di una spinta molto, anzi troppo energica, un bambino e un alienuncolo precipitarono su una nuvola senza più riuscire a rimbalzare indietro, come facevano solitamente dopo ogni scivolata.
Non appena si videro, si spaventarono a morte e cominciarono a tremare: il bambino non poteva credere di avere di fronte a sé un esserino cosi minuto e con cinque braccia, un solo occhio, le gambe a tentacoli e con un corpicino tutto verde, cosi provò ribrezzo e pensò di cercare un posto dove potersi nascondere, ma guardandosi attorno, si accorse di essere circondato da un paesaggio immenso e fatto di sole nuvole.
L'alienuncolo, nel vedere il bambino provò le sue identiche sensazioni e pensò che fosse un essere davvero buffo e strano. Ognuno si sentiva "quello normale" e vedeva nell'altro una specie di mostro molto diverso e pauroso.
Non avendo via, di fuga e non potendo nemmeno nascondersi, a poco a poco decisero di avvicinarsi per guardarsi più da vicino. Allungando le loro braccia il dito del bambino e il dito dell'alienuncolo si incontrarono sfiorandosi e subito i due scoppiarono a ridere molto rumorosamente e con gusto; il bambino ora divertito, non capiva come avesse potuto provare paura nel vedere un esserino cosi piccolo, buffo e morbido, mentre I'alienuncolo rideva a crepa pelle perché mai aveva sentito prima una risata cosi simpatica, strana e fragorosa come quella del bambino.
Da questo momento cominciarono a conoscersi e divennero buoni amici tanto da passare le loro giornate a divertirsi saltellando sulle nuvole e acchiappandosi a vicenda.
Ancora oggi, quando piove, sono proprio loro che a furia di saltare, fanno piangere di dolore le nuvole!


Selina, 12 anni

 
 
 
Ricerca Italiana
Torna ai contenuti | Torna al menu